Fisco: le Acli lanciano MyCaf.it, il nuovo portale per contribuenti

Consultare online il proprio 730, le dichiarazioni Isee, i bollettini Ici e i pagamenti F24. Essere avvisati in tempo reale sugli adempimenti e le scadenze fiscali. Ricevere informazioni sulle ultime novità in materia di fisco e agevolazioni sociali. Sono alcuni dei servizi e delle opportunità offerte ai contribuenti da MyCaf.it, il nuovo portale pensato e sviluppato dal Centro di Assistenza Fiscale delle Acli: 1milione e 200mila cittadini assistiti ogni anno, 1000 uffici aperti al pubblico e più di 1500 operatori in tutta Italia.  

Inaugurato in occasione della nuova campagna fiscale, il portale è riservato ai clienti Caf Acli, che potranno accedervi da casa tramite pc, telefonino o tablet. All’atto della presentazione della dichiarazione dei redditi, o alla compilazione della dichiarazione Isee, si comunica all’operatore il proprio indirizzo di posta elettronica e si ricevono immediatamente account e password.  

MyCaf.it funziona come un “cassetto elettronico”, organizzato e aggiornato direttamente dal Caf Acli con i documenti consegnati dai clienti per i propri adempimenti fiscali: 730, Unico, Isee, Red, F24, Ici e altro ancora. Tramite il portale si potrà visionare, salvare e stampare tutta la documentazione degli ultimi tre anni ogni volta che si vorrà, senza doversi recare fisicamente presso l’ufficio di competenza.  

MyCaf.it è anche un’agenda personale, con le proprie scadenze fiscali inserite direttamente dal Caf Acli e in cui ogni cliente può inserire anche gli appuntamenti e gli impegni personali. Potendo scegliere se e quando essere avvisati via email sulle scadenze inserite. Il portale, infine, è un “sistema di informazione personalizzata”, con notizie quotidiane sulle ultime novità fiscali e le agevolazioni sociali, selezionate dal Caf Acli in base al profilo personale e familiare del singolo utente.  

«Si tratta di uno strumento fortemente innovativo – spiega Paolo Conti, direttore nazionale del Caf Acli – non solo sotto il profilo tecnologico, ma anche culturale. L’idea è quella di semplificare la vita al cittadino contribuente, rendendolo il più possibile autonomo per ciò che è in grado di fare da solo e affiancandolo con una consulenza personalizzata quando ne ha bisogno». «Quella che parte oggi – aggiunge – è solo una piattaforma di partenza. Da domani sarà possibile collegarsi direttamente online con i servizi proposti dalle amministrazioni pubbliche, effettuare i pagamenti in home banking, ricaricare i telefonini. Con un valore aggiunto che è la grande rete di sportelli, uffici e operatori sparsi in tutta Italia».